SAMPDORIA vs UDINESE : 0-1 – Le pagelle di STERA

0

LE PAGELLE DI STERA

SAMPDORIA vs UDINESE : 0 – 1

22/01/2023

SILVESTRI: 6,5 Pronti via subito impegnato da Gabbiadini, bravo a farsi trovare pronto. Il portierone di rosso vestito si fa trovare pronto quando serve, come sempre. F I D A T O

BECAO: 6 Nei primi minuti sembra dolorante, forse a voler nascondere alcune imprecisioni ed errori? Con il passare dei minuti migliora la sua prestazione e il suo peso in campo, oggi che era anche investito dei gradi di capitano. R I N F R A N C A T O

BIJOL: 5,5 Appare spesso lento e fuori posizione. Commette alcune ingenuità che solo grazie alla fortuna non vengono pagate a caro prezzo. A N S A N T E

PEREZ: 6,5 Il più in forma dei tre difensori nel primo tempo, aiuta anche in fase di impostazione. Una prestazione da ricordare. E L O Q U E N T E

ARSLAN: 5,5 Non una partita da incorniciare per il #5 bianconero. Esce per Makengo. B O R I O S O

SAMARDZIC: 5,5 Quando prende palla, classe e qualità balzano subito all’occhio. Ma la sua efficacia si perde tra le linee avversarie senza riuscire ad ispirare l’azione dei suoi ne a creare e sfruttare situazioni importanti. Esce per Lovric. D E P R E S S O

WALACE: 5,5 Se risulta utile nella fase di interdizione, è quasi impalpabile nella fase di impostazione e quando cerca la via del goal. F A L L A C E

EHIZIBUE: 6,5 Sulla fascia non spinge come dovrebbe. Ma è meno impreciso del solito, assicurando alla squadra un valido supporto. La ciliegina alla sua prova il goal della vittoria bianconera. A S S E S T A T O

UDOGIE: 6,5 La sua spinta mette in crisi i doriani. La sua presenza è una costante preoccupazione per chi si deve occupare di lui. P R O P O S I T I V O

SUCCESS: 5,5 E’ il solito Isaac, molta grinta e fisicità ma poca profondità nelle sue giocate. Gli manca sempre il colpo del k.o. giocando spesso spalle alla porta. P R A T I C O

BETO: 5,5 Molto movimento ma poca concretezza nelle sue giocate. Non riesce ad incidere ne a crearsi spazi utili per colpire a rete. Esce per Deulofeu. I N O F F E N S I V O


MAKENGO: 6 Rileva Arslan risultando utile al contenimento della manovra doriana.

LOVRIC: 6 Entra al posto di Samardzic e nei pochi minuti in campo riesce quasi ad essere più utile del tedeschino.

DEULOFEU: 6 Subentra a Beto. La sua presenza si nota subito per come pressa e per come gioca, ma dura pochi minuti in campo vittima di un preoccupante fastidio alla gamba destra. Esce per Nestorovski.

NESTOROVSKI: s.v. Da il cambio ad uno sfortunato Deulofeu

IL MISTER: 6 La settimana di ritiro ha portato a varianti nella formazione, con Ehizibue e Samardzic preferiti a Pereyra (risentimento muscolare…) e Makengo. Le sue idee di calcio vengono offuscate dai giocatori in campo, troppo lenti, statici e imprecisi. Con i cambi riesce a dare più peso alla manovra. Parrebbe però, almeno al sottoscritto, che non abbia ancora trovato la chiave per risolvere la situazione di generale apatia. I N C U P I T O

CITAZIONE SPECIALE DI OGGI Mercato e assenze pesano : 4 Le voci di mercato potrebbero avere un peso sul rendimento dei singoli? Così pare, almeno darebbe senso a questo momento di generale scollamento. Giocare senza Pereyra (sostituito da un Ehizibue risolutivo) e con Deulofeu inutilizzabile, rende evidente la qualità dei sostituti, minando le ambizioni del Paron POZZO.


LA PARTITA: La settimana è stata impegnativa. Il mercato che tiene banco (tra aspettative e delusioni) e l’esito del processo sportivo alla Juventus hanno tenuto impegnati giornalisti e calciofili. I friulani sono chiamati a dare un senso al ritiro voluto dai giocatori dopo la sconfitta casalinga contro il modesto Bologna. L’occasione è sulla carta ottimale, affrontando la penultima in classifica (sedici i punti di distacco in 18 giornate giocate tra le due formazioni). Diciannovesima giornata che potrebbe avere il sapore di verdetti per entrambe le formazioni, a seconda del risultato che verrà dal campo. Due le novità nella formazione friulana (Ehizibue e Samardzic), con Deulofeu che fa capolino dalla panchina, dopo essere sparito dai radar nell’ultimo impegno di campionato del 2022 in quel di Napoli. Commovente e sentitissimo il ricordo che lo Stadio Ferraris, i tifosi doriani e gli ex compagni di squadra hanno voluto dedicare al ricordo di Gianluca VIALLI, rappresentando, credo, l’intera nazione, in un lungo e forte abbraccio! Curioso il fatto che l’ex capitano bianconero Nuytinck ora sia in difesa della porta doriana.

STATISTICHE: Sei punti nelle ultime dieci partite per i friulani, solo doriani, Sassuolo e Cremonese hanno fatto peggio. Gli uomini dell’ex Stankovic (vice di Stramaccioni sulla panchina friulana nel campionato 2014-2015) non segnano in casa dal 10 settembre (1-2 contro il Milan) e non fanno al Ferraris addirittura dal 31 agosto (1-1 contro la Lazio). L’Udinese è tristemente (per i tifosi friulani) famosa per far resuscitare giocatori e squadre in difficoltà! Comunque balza agli occhi la media goal negli incontri tra le due formazioni, con un 3,2 davvero rilevante. La differenza reti dei doriani è notevole, con un -23 che la dice lunga, friulani con un +5 che è in costante calo. Sampdoria con il peggior attacco del campionato, con sole 8 reti in 18 giornate. Curioso siano l’ultima e penultima (Udinese 105,5 e Samp 104,9) per Km percorsi. Entrambe sono ancora prive di rigori a favore assegnati.

SINTESI: Brutti ma buoni! Squadre in campo con il doria in divisa ufficiale, friulani in giallo (seconda maglia per non ingolfare il magazzino?!?!). A confermare le mie preoccupazioni, subito pericolosa la Samp che al 2^ minuto mette Gabbiadini in grado di offendere anche grazie alla lentezza della difesa friulana, bravo Silvestri a sbarrare la via della rete al doriano. Liguri molto intensi in questi primi minuti di gioco, friulani a tratti in difficoltà a contenere la foga dei blucerchiati. Imbarazzante lo scontro tra Becao e Bijol al 9^ che si ostacolano a vicenda nel tentativo di andare sulla palla, con il risultato che il pallone arriva a Djuricic che solo davanti a Silvestri manda di poco a lato. Occasionissima quella sprecata dal serbo, e sono già due! Gabbiadini cerca il sinistro a giro al 14^ con palla deviata da Bijol che finisce di poco a lato, corner per i blucerchiati. Siamo al 15^ minuto, friulani ancora non pervenuti. Samardzic con un incursione palla al piede al 22^ guadagna corner per i friulani. Walace al volo dal limite al 24^, palla abbondantemente fuori misura. Dormita di Becao in disimpegno al 27^ che regala palla ai blucerchiati, solo un errore in rifinitura scongiura rischi alla porta friulana. Animi agitati sulla panchina della Samp, con l’arbitro che cerca di placare l’eccesso di adrenalina dopo un presunto fallo non fischiato su Winks. Al 32^ Udogie si invola sulla fascia sinistra e mette un cross invitante per Samardzic che di destro colpisce male strozzando la conclusione, con la palla che finisce lentamente tra le braccia di Audero. Si guadagna corner Beto al 35^, Samardzic batte basso e male. Udogie sulla fascia inizia a creare qualche problema agli avversari che lo recuperano solo con le maniere forti. Le telecamere inquadrano per un attimo un infreddolito e sconsolato Deulofeu. Ehizibue al 41^ conclude dal limite, palla che finisce in curva. Friulani che chiudono avanti la prima frazione di gioco conquistando un corner che Mariani non fa battere, tutti negli spogliatoi al 45^ minuto spaccato. Meglio i doriani nei primi minuti con due grandi occasioni sprecate, friulani che con il passare dei minuti hanno trovato contromisure e coraggio per uscire alla propria metà campo. Sembra di vedere l’Udinese di qualche anno fa, lenta, macchinosa, spenta, inconcludente! Una novità tra le fila dei blucerchiati al rientro in campo, l’ex Verre al posto di Sabiri. Ritmi più compassati rispetto al primo tempo in questi primi minuti della ripresa. Secondo corner mal battuto da Samardzic al 50^. Becao si fa togliere un ampia fasciatura alla coscia sinistra, probabile causa dei fastidi sofferti dal capitano di giornata nel primo tempo. Secondo cambio per Stankovic, entra Vieira al posto di Djuricic al 56^. Samardzic calcia dall’out di sinistra al 58^ trovando Audero pronto a terra a bloccare, forse un cross avrebbe sortito miglior effetto. Al 60^ occasionissima doria con Vieira che riceve al centro dell’area, ma seppur libero di colpire indisturbato manda alto sopra la traversa. Si prepara ad entrare Deulofeu a bordo campo. Nel frattempo terzo calcio d’angolo consecutivo per i blucerchiati. Sciupano molto gli uomini di Stankovic. Goffo intervento di Walace che mette in corner al 67^. Samardzic ed Arslan escono per Makengo e Lovric al 68^, niente Deulofeu per ora. Becao svetta in area colpendo bene ma centrale al 71^ sulla punizione di Lovric dalla sinistra, palla facile preda di Audero. Deulofeu al 76^ entra per Beto, mentre Colley è a terra a seguito di un contrasto aereo con il portoghese. Si fa subito notare Deulofeu che disturba efficacemente Audero in procinto di rinviare e conquistando palla per i suoi. Colley non ce la fa a continuare, entra Zanoli al 79^ minuto. Verre prova l’eurogol dalla lunga distanza all’83^, palla a lato alla sinistra di Silvestri che controlla e lascia sfilare. All’84^ Deulofeu dal corner mette la palla sulla testa di Bijol ma il pallone dello sloveno sfila alla destra del palo di Audero. Una serie di rimpalli e mancati interventi in area doriana mette la palla tra i piedi di Ehizibue che è libero di battere a rete e scavalcare Audero per il vantaggio bianconero. Verifica Var per la posizione sospetta del #19 che conferma la rete bianconera. Entra Nestorovski per rilevare Deulofeu che dopo pochi minuti lamenta un problema alla gamba destra, sconsolato esce lo spagnolo, brutta tegola in casa friulana. Sale il nervosismo tra i blucerchiati che commettono una lunga serie di falli. Udogie al 94^ si vede sbarrare la via del goal da un attento Audero bravo metterci la mano da terra. Gabbiadini sotto porta non riesce ad essere efficace con la deviazione sul cross messo da AUgello, palla che finisce tra le braccia di Silvestri al 97^. Finisce avanti anche Audero che reclama di aver subito fallo mentre Mariani manda tutti negli spogliatoi al 98^. Tornano alla vittoria gli uomini di Sottil, seppur poco convincenti.

ANALISI: Nonostante la fame di vittoria e l’energia messa in campo dalla Sampdoria, riesce il colpaccio in trasferta ai friulani. Mai in controllo del match, per lunghi tratti in mano ai blucerchiati, i friulani sfruttano al meglio l’occasione capitata quasi per caso. Doriani che pagano gravi errori sotto porta. Preoccupano le condizioni di Deulofeu, entrato in campo al 76^ minuto. Lo spagnolo ha subito dato peso alla sua presenza in campo. Sarà un caso che il friulani siano andati in rete con lui in campo? Ma purtroppo la sua partita finisce prima dello scadere, costretto a lasciare il posto a Nestorovski per un fastidio avvertito alla gamba destra. Samardzic non ha convinto, sembra demotivato, fuori posto e abulico. Contro l’Hellas servirà capire se la squadra è davvero guarita dal torpore delle ultime giornate. Vista la prestazione e le qualità dell’avversario, la vittoria è quasi il risultato minimo.

SAMPDORIA : AUDERO 6.5, AMIONE 5.5, AUGELLO 6, COLLEY 6 (ZANOLI 5.5), NUYTINCK 5.5, DJURICIC 5.5 (VIEIRA 5.5), LERIS 5.5, SABIRI 5.5 (VERRE 6), WINKS 5, GABBIADINI 5, LAMMERS 5.5

Share.

About Author

Leave A Reply

*