Cinemazero: Gli occhi dell’Africa

0

La XIV edizione de Gli occhi dell’Africa, in programma nei mesi di dicembre 2020 e gennaio 2021, con alcune anteprime e iniziative già a novembre, si presenta quest’anno in forma ridotta, a causa delle restrizioni alle quali è costretto il mondo della cultura, dopo il Dpcm del 25 ottobre scorso.
Il coronavirus ha costretto Caritas diocesana, Cinemazero, l’Associazione L’Altrametà e il Centro Culturale Casa Zanussi, a ridisegnare i propri programmi per questa manifestazione che è nata per far conoscere, al di là degli stereotipi, le particolarità di un continente ancora poco conosciuto. Anteprime nazionali, film rarissimi e d’autore, ma anche un’attenzione particolare al territorio, con due film di alta qualità girati in Africa ma “firmati” Pordenone. Il tutto possibile anche grazie al sostegno dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Pordenone, da sempre vicino alla manifestazione, e alla cooperativa Nuovi Vicini di Pordenone.
La programmazione cinematografica è tutta on line: la maggior parte dei titoli sarà on line da sabato 19 dicembre 2020, e la selezione si arricchirà ulteriormente da mercoledì 23 con splendidi film per Natale, il tutto disponibile fino al 15 gennaio 2021 sul portale AdessoCinema! (www.adessocinema.it), la piattaforma streaming gestita da Cinemazero di Pordenone, il Visionario di Udine e La Cineteca del Friuli, 8 speciali film per conoscere il continente africano.
Tra queste il documentario/inchiesta  in anteprima esclusiva Rouge Ivoire, realizzato da Bruno Mercuri per Videe, entrambi pordenonesi, che ripercorre gli avvenimenti degli ultimi 10 anni di storia della Costa D’Avorio, in cui si ricordano i fatti che hanno portato un Paese prima considerato tra i più stabili dell’Africa Subsahariana a vivere in una profonda instabilità politica ed economica.
In programma anche il film egiziano Yomeddine, di Abu Bakr Shawky, selezione ufficiale al Festival di Cannes, scelto anche per rappresentare l’Egitto ai Premi Oscar 2019. Una storia commovente di un uomo alla ricerca delle sue origini. Un viaggio iniziatico che con tono leggero parla di miseria, tabù religiosi ed esclusione adatto a tutta la famiglia da vedere sotto l’albero.
Altra proposta è Aya va alla spiaggia, cortometraggio marocchino di Maryam Touzani, nominato come Miglior Cortometraggio al Dubai International Film Festival. Aya è una bambina che già lavora come domestica in un appartamento a Casablanca. Segregata in casa, Aya ha un unico sogno: riuscire, almeno una volta, a vedere il mare.
Spazio alla religione con una storia davvero sorprendente grazie al film di Gabrielle Zilkha, in anteprima nazionale, Doing Jewish: A story from Ghana, un documentario che racconta la vita di una piccola comunità del Ghana, concentrandosi sui pochissimi che praticano (o vorrebbero praticare) l’ebraismo.
I bambini sono al centro anche di Liyana, di Aaron e Amanda Kopp, che intrecciando il documentario all’animazione, racconta la storia di cinque orfani, tra speranze e difficoltà. Un film per famiglie, davvero da non perdere, durante le feste!
William e il mulino a vento di Ben Nabors è un’altra toccante storia di sogni, questa volta realizzati. Il quattordicenne William Kamkwamba, infatti, aiutato da un semplice manuale, riesce a costruire un mulino a vento nel suo piccolo villaggio del Malawi.
Storie e racconti per conoscere e scoprire un continente con gli occhi dei suoi stessi registi, senza i filtri della cultura occidentale. 8 imperdibili appuntamenti per passare insieme le festività natalizie in compagnia di una filmografia poco conosciuta, ma che non lascerà indifferenti, regalando numerose emozioni.
Questa edizione presenta l’opportunità di rivedere dei film di successo delle passate edizioni, nella sezione Il meglio de Gli occhi dell’Africa: si potranno riguardare il magnifico Le franc, del senegalese Djibril Diop Mambéty e il delicatissimo La petite vendeuse de soleil, sempre dello stesso regista, due pellicole che sono diventati dei “classici” della filmografia africana anni Novanta.Disponibile anche, grazie alla collaborazione con Amahoro Onlus il documentario Verso le verdi colline del Burundi di Tommaso Lessio. Il cortometraggio è dedicato al progetto Santè a Muyinga, in Burundi: qui l’organizzazione di volontariato Amahoro ha costruito un Centro di Salute ed un acquedotto e realizzato attività di prevenzione sanitaria e formative sull’uso sostenibile dell’acqua.

A questo si aggiunge Home, verso casa – Racconti, testimonianze, parole, volti di chi vive la casa in un Paese lontano, realizzato dalla Cooperativa Nuovi Vicini di Pordenone, in occasione della Giornata Mondiale del Rifugiato 2020.

Share.

About Author

Direttore di Nordestnews.com ed Incontro

Comments are closed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: