LE PAGELLE DI STERA : UDINESE vs SPEZIA 0 – 2

0

LE PAGELLE DI STERA

UDINESE vs SPEZIA 0 – 2
30/09/2020

MUSSO: 5,5
Sarebbe da mettere non valutabile, tanto ha fatto nei 90 minuti, ma ha anche preso 2 reti, il che non gli rende giustizia!
I E L L A T O

DE MAIO: 6
Non preciso e meno “presente” del solito, ha un concorso di colpa sulla prima rete spezzina, e paga l’assenza in area nei minuti di recupero, che consente il raddoppio degli azzurri!
S C A R I C O

SAMIR: 6
Fa il suo in una partita veramente imbarazzante dei suo compagni, senza commettere sbavature. Esce per fare posto a MATOS.
A F F I D A B I L E

BECAO: 5,5
Di suo ci mette l’impegno e poco altro.
S C I A L B O

ZEEGELAAR: 5
Una partita più di ombre che luci, non incide in un centrocampo alquanto succube degli avversari ed esce per fare posto a OUWEJAN.
I N V O L U T O

PALUMBO: 5,5
La novità del giorno, finalmente un prodotto del vivaio in campo. Partita onesta macchiata se si vuole da un concorso di colpa nella disattenta marcatura su GALABINOV che porta al vantaggio spezzino. Chiude senza brillare in un centrocampo nettamente sottomesso dai liguri per fare posto a FORESTIERI ma per quello che si è visto non sfigura affatto nella rosa bianconera. Voto di stima che serva da sprone.
P R O M E T T E N T E

DE PAUL: 5,5
Messo a giocare molto “basso” prova a costruire per i suoi avanti, ma oltre a pagare troppa lontananza dalla fase nevralgica del gioco, non risulta mai incisivo.
A V U L S O

COULIBALY: 5
Quasi osannato alla sua prima a Verona, non si conferma, anzi, oggi contro i liguri. Non si può basare il centrocampo sulla sua leggerezza e poca esperienza.
I N A P P R O P R I A T O

TER AVEST: 5
A tratti imbarazzante, sembra non sapere cosa fare con il pallone, e di certo non sa coprire le folate avversarie sulla fascia.
I N S A P O R E

LASAGNA: 5,5
La mancanza di idee e di punti di riferimento in attacco, lo portano spesso a voler strafare e sprecare palloni con conclusioni alquanto improbabili. Spreca da far suo anche un delle sue specialità, la volata a rete, che la dice tutta sul suo stato mentale e di forma.
I N E F F I C A C E

OKAKA: 4
Sbaglia un goal che probabilmente nemmeno JANKER avrebbe ciccato! Continua sulla falsariga delle sue ultime prestazioni, non è una punta di peso, non ha la classe ne le qualità per sostenere un attacco di serie A. Esce per fare posto a NESTOROVSKI.
N U L L O

FORESTIERI: 5
Rileva PALUMBO e non ripaga la fiducia del mister. Oltre a molta corsa e grinta, poco altro.

NESTOROVSKI: 5
Entra al posto di OKAKA, ma non riesce ad inserirsi nelle trame (quali?) del gioco friulano.

OUWEJAN: 6
Subentra a ZEEGELAAR e fa vedere buone cose, piede e corsa ci sono, cross e tiro pure.

MATOS: s.v.
Ultimo cambio, Rider dentro per SAMIR.

IL MISTER: 6
Mette in campo i “soliti” 11 a parte PALUMBO, viste le assenze di WALLACE e ARSLAN, e con uno schema più attento che propositivo, inizia soffrendo la freschezza e la velocità dello SPEZIA. Mette DE PAUL in cabina di regia, ma è come mettere Eric CLAPTON a suonare la chitarra nei Ricchi e Poveri (senza offesa eh…!). Manca tecnica, manca qualità nei giocatori, un allenatore non può inventarsela. Avere in rosa solo scarti di altre squadre alla lunga non paga… Alla disperata ricerca della rete, e con un uomo in più in campo mette l’artiglieria pesante in campo NESTOROVSKIMATOSFORESTIERI (questi ci sono) e viene prontamente ripagato dal raddoppio spezzino di super GALABINOV!
S C H I U M A N T E

CITAZIONE SPECIALE DI OGGI

LA NUOVA MAGLIA: 8
Perché se vero è che risveglia ricordi indelebili di grandi fasti passati, vero è anche che rischia di venire macchiata da quella che ad oggi sembra, o almeno così pare, essere una delle peggiori annate bianconere di sempre!

LA SINTESI: ZERO IDEE, ZERO GOAL, ZERO PUNTI!
Interessante anche se forzata la scelta di far giocare il giovane PALUMBO titolare. Pronti via e come un malaugurio passa lo Spezia, tiro al volo da fuori con difesa schierata male e rete per Ricci da fuori area imparabile per MUSSO ma fortunatamente per i bianconeri la rete viene annullata dopo verifica VAR.
Ma il goal è nell’aria e lo Spezia fa quel che vuole sulla fascia destra (la loro sinistra) e scodella un cross che il buon GALABINOV, completamente indisturbato, deve solo piazzare alle spalle di MUSSO. Per dare un idea della pochezza stilistica in campo, il 90% delle azioni friulane partono con lanci lunghi (quasi sempre preda degli avversari) dalla propria meta campo, ma a che gioco pensano di giocare? Primo tempo meritatamente in vantaggio per lo Spezia, che ha dalla sua più voglia e idee, soprattutto grazie a RICCI e VERDE.
Secondo tempo che vede i bianconeri presentarsi senza cambi e senza lucidità davanti a ZOET, che al 20″ deve uscire per infortunio e lasica il posto a RAFAEL. Al 21″ espulsione (giusta) di TERZI per fallaccio su FORESTIERI, seconda ammonizione e spogliatoi. Girandola di cambi da una parte e dall’altra e ulteriore occasione sprecata da KL15! Mettere in campo di fatto un 4-2-4 contro un avversario in 10 serve, se ce ne fosse ancora bisogno, solo a dimostrare l’imbarazzante sterilità friulana. E il colmo dei colmi si paventa quando allo scadere in contropiede lo Spezia addirittura raddoppia grazie a GALABINOV che tutto solo trafigge un incolpevole MUSSO.

SPEZIA : ZOET 6 (RAFAEL 6.5), FERRER 6, CHABOT 6, TERZI 5, RAMOS 6, DEIOLA 6 (BARTOLOMEI s.v.), RICCI 6.5, MAGGIORE 6 (ERLIC 6) , VERDE 6.5 (FARIAS 6), GALABINOV 7.5, GYASI 6(POBEGA 6)

Share.

About Author

Leave A Reply

*

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: