PUNTO BIANCONERO | Udinese, devi prendere la tua fava dorata con due piccioni… Sassuolo e Atalanta giocoforza nel mirino, ora…!

0

Sembra quasi un film già visto, e anche da poco. Domani pomeriggio a Reggio Emilia l’Udinese di Mister Nicola scenderà in campo contro il Sassuolo. E’ paradossalmente proprio questa una delle partite preminenti del campionato dell’Udinese, perché il Sassuolo è una concorrente diretta a uno di quei posti che stanno ai piedi della parte sinistra della classifica della massima serie calcistica. Anche il Sassuolo non soltanto vuole riuscire a salvarsi, ma vuole anche fare bella figura potendosi permettere qualcosa di più di una “non speciale” salvezza in campionato. Alla stessa stregua dell’Atalanta, che affronterà l’Udinese sette giorni dopo ma che concorre addirittura a un posto migliore in campionato. In quindi giorni l’Udinese avrà quindi due scontri diretti da non fallire. La cosa interessante è che a Reggio Emilia contro il Sassuolo si può vincere, e lo si può fare a maggior ragione a Udine al cospetto dell’Atalanta. Il compito richiede un qualche sforzo in più, ma alla fine a portare via altri sei punti in tutto in due settimane ci si può arrivare abbastanza agevolmente. E a quel punto l’Udinese, ottenute le due vittorie, si sarà ristabilizzata ad un livello del tutto in linea con la propria gamba, rispetto al passo che può e deve tenere in campionato. Fatte le due vittorie consecutive saremo in piena media salvezza, tutto qui. E con il coltello dalla parte del manico, dal punto di vista del clima interno e dell’entusiasmo a livello ambientale. Cosi puoi affrontare le partite contro le grandi, che prima o poi si dovranno pur sdoganare, sarà una pratica meno pesante dal punto di vista del carico emotivo specifico. L’Udinese deve lanciarsi, per poter dire di essere in linea con il suo target di campionato, e questo è il momento giusto per perfezionare una rincorsa di questo tipo. Le due partite contro Sassuolo e a Atalanta rappresentano da questo punto di vista l’occasione delle occasioni.

Share.

About Author

Leave A Reply

*